Elliot Loves di Gary Terracino al Giffoni Film Festival

Presentato Sabato 21 Luglio in presenza del regista il film Elliot Loves.

Già vincitore del premio del pubblico all’ultimo Miami Gay And Lesbian Film Festival, Elliot Loves è l’opera prima del regista americano Gary Terracino e racconta su due piani paralleli la vita di Elliot Ayende: bambino di nove anni e adolescente ventunenne.

I problemi dell’infanzia di Elliot sono legati al rapporto con la madre (che sembra più una amica) con i suoi fidanzati (che hanno comportamenti al limite dell’omofobia) e la loro vita fatta di stenti ed insuccessi dove anche la famiglia non è di aiuto a superare i problemi quotidiani; Elliot ventunenne invece deve confrontarsi con la propria sfera sentimentale, alla ricerca dell’amore perfetto, quello che dura tutta la vita; Elliot infatti dovrà scontrarsi (anche in chiave tragicomica) con la realtà dello stile di vita di molti gay fatto di storie veloci, leggere e disinteressate…

Il film è in concorso nella sezione Generator+18 all’edizione 2012 del Giffoni Film Festival una delle più importanti rassegne a livello mondiale del cinema per ragazzi, la cui giuria è composta da 2800 adolescenti provenienti da 42 paesi di età compresa tra i 3 e i 22 anni.

Il regista Gary Terracino, nato del 1969 negli Stati Uniti, ha scritto e diretto il cortometraggio My Polish Waiter (1995) incluso nel film ad episodi Boys in Love ed ha fatto parte dell’organizzazione del New York International Latino Film. Con Elliot Loves Terracino condivide la sua storia personale ed il percorso che ha intrapreso per superare gli abusi ed per imparare ad amarsi.

Elliot Loves è da poco entrato nel listino della società americana TLA Releasing che si occupa di distribuzione di film a tematiche Glbt ed è stato presentato in queste ultime settimane al QFest di Philadelphia ed all’Outfest di Los Angeles, ricevendo un notevole successo da parte del pubblico e della critica. La proiezione al Giffoni segna il debutto Europeo del film.

Foto|Google

La redazione

Condividi

Commenta con i tuoi amici su Facebook