Strage di Orlando Lady Gaga piange anche per la coppia gay che voleva sposarsi

Inserito il Giu 15 2016 - 8:41am di Red
Strage di Orlando Lady Gaga piange anche per la coppia gay che voleva sposarsi

Strage di Orlando Lady Gaga piange anche per la coppia gay che voleva sposarsi. Continua il cordoglio per le vittime della strage di Orlando alla discoteca gay PULSE e ogni giorno vengono raccontate le storie delle vittime di questo tremendo atto terroristico. Personaggi famosi e non hanno manifestato il loro dolore per quanto accaduto, a cominciare da Lady Gaga.

Strage di Orlando Lady Gaga piange anche per la coppia gay che voleva sposarsi

Durante la veglia in ricordo delle vittime della strage di Orlando, Lady Gaga ha pronunciato al City Hall di Los Angeles un toccante discorso ed è scoppiata in lacrime poco prima di elencare i nomi dei ragazzi uccisi. Tra loro anche la coppia di fidanzati di cui vi parliamo oggi.

Juan e Drew erano fidanzati da due anni, vivevano insieme e sognavano di sposarsi. Le famiglie hanno deciso di non separarli: avranno un unico funerale e poi saranno sepolti fianco a fianco. Loro sono solo due delle 49 vittime della strage di Orlando.

Ma tra gli sfortunati del Pulse c’erano anche imon e Oscar che erano fidanzati e avevano da poco acquistato una casa insieme. Sono morti entrambi al Pulse.

coppia-gay-orlando-morti
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+

Le parole di Lady Gaga per le vittime del Pulse

“Questo è un attacco all’umanità e a tutti. Oggi, Orlando siamo qui per te e siamo qui per ricordare”, ha detto la cantante. E ha aggiunto: “Ho visto la paura e la tristezza nei volti di tante persone, ma mi sento meglio sapendo che ci sono milioni di persone che non solo sono parte della comunità LGBT, ma anche eterosessuali che sono stati profondamente colpiti da questa tragedia. Non siete soli“.

E adesso i giornali raccontano anche la problematica relativa alla donazione di sangue per aiutare i feriti che sarebbe vietata da parte di persone gay. Questo è ciò che dichiara Ricky Msrtin con un tweet. Clicca qui per leggere.

Commenta con Facebook