Whatsapp attenti alla nuova truffa e al virus che vi ruba l'account
Hi Tech

Whatsapp attenti alla nuova truffa e al virus che vi ruba l’account

Whatsapp attenti alla nuova truffa e al virus che vi ruba l’account. Allerta e allarme su Whatsapp, l’applicazione d messaggistica più usata al mondo. C’è una nuova truffa che può trarre in inganno i meno esperti. Quindi bisogna fare molta attenzione. Ecco di cosa si tratta.

Whatsapp attenti alla nuova truffa e al virus che vi ruba l’account

Come in altre truffe simili a quella che vi stiamo segnalando oggi e che sta colpendo l’app di messaggistica più usata al mondo, Whatsapp, il virus di cui vi parliamo oggi è abbastanza cattivo.

In sostanza questo virus molto pericoloso per il vostro account Whatsapp e per i vostri messaggi e contatti, viene nascosto all’interno di un semplice messaggio contenente un link che, una volta cliccato, fa partire una silenziosa ed invisibile installazione non protetta di un virus, appunto, che nel giro di qualche minuto è in grado di impossessarsi del vostro profilo Whatsapp e addirittura del vostro smartphone

Virus Whatsapp attenzione al messaggio della lotteria

Il messaggio truffa che viene inviato via Whatsapp, singolarmente ad un utente o a un gruppo creato sull’applicazione, vi avvisa di essere stati sorteggiati come vincitori di una lotteria creata dall’azienda produttrice dell’applicazione di messaggistica istantanea, in pratica Facebook. (visto che l’app appartiene a Facebook).

Se per errore cliccate su quel link partirà immediatamente una catena di Sant’Antonio che inoltrerà il messaggio e tutti i contatti Whatsapp presenti nella vostra rubrica, tra singoli e gruppi a cui fare parte. Insomma! Un bel disastro!

Truffa su Whatsapp e aggiornamento applicazione

Fortunatamente il team Whatsapp sta lavorando ad un aggiornamento per risolvere il problema. L’unica cosa è che questo aggiornamento non è ancora disponibili, quindi è sempre bene fare attenzione ai messaggi che si ricevono e soprattutto a non cliccare su link sospetti. Speriamo di essere stati chiari.

Commenta con Facebook